Anonim
Soprattutto sul pilota. Che moto divertente. Le forme parlano dei tempi passati e il suono del motore con quei tubi accessori è quasi di un aereo radiale come quando si percorre l'autostrada in velocità. Quelle dolci testate in alluminio abbaiano rumorosamente ma dalla sella fanno le note perfette, al volume perfetto. È vera musica. Basta non chiedere l'opinione dei conducenti che hai appena superato.

Davanti a te c'è un paio di castone cromato, indicatori analogici dalla faccia bianca e un ammortizzatore di sterzo. Quest'ultima unità di Sachs è stata un po 'una sorpresa considerando che la geometria del telaio non è esattamente radicale (rastrello di 24 gradi, scia di 4, 1 pollici), ma c'era davvero un po' di luccichio di tanto in tanto, soprattutto nelle scanalature della pioggia dell'autostrada. È il Neo-Phantom di Pirelli (completo di camere d'aria, grazie alle ruote con raggi a raggi trapanati al centro) che canalizza l'atmosfera di un pneumatico degli anni '70? In ogni caso, non è stato un grosso problema. E il battistrada vecchio stile sulle moderne carcasse 120 / 70-17 e 180 / 55-17 è troppo buono!

Image

Foto n. 4
Lame Brian Smart 1000 SportClassic Ducati Paul

L'interasse si estende per 56, 5 pollici, molto più lungo rispetto ai 54, 9 pollici dell'attuale Supersport 1000, per esempio. E mentre è più lungo rispetto alle altre più recenti moto sportive Ducati in linea con la sua ispirazione classica, la Smart è anche un po '“sovradimensionata” da quella che era la classica '74 750SS in termini di statura fisica complessiva. La carenatura, il serbatoio del gas e il tailsection sono tutti molto più magri, riflettendo i problemi di imballaggio moderni come massimizzare il volume dell'airbox mentre provando ancora a trasportare una quantità ragionevole di carburante (quest'ultimo è di 3, 9 galloni, offrendo un raggio decente), riempire in una ECU, emissioni evaporative controllo, pompa del carburante per i corpi farfallati da 45 mm e così via. Anche il telaio è ampio, consentendo una seduta a raggio più ampio e contorni classici in proporzioni moderne.

L'esperienza, l'aura, parlano tutti all'amante della bici vintage. Il modo in cui il motore suona, l'aspetto, il raffreddamento ad aria, c'è un suggerimento di semplicità e natura elementare, in modo che questa nuovissima motocicletta soddisfi ciò che molti motociclisti vintage cercano dopo macchine di 30 anni o più vecchi . La guida della Smart offriva lo stesso tipo di piacere viscerale del mio vecchio Norton Commando del '74 (prima che lo vendessi stupidamente). Solo che la Smart è una bici sportiva moderna con grande potenza e un ottimo telaio. E non ha carboidrati che perdono o freni difettosi.

In questo modo ottieni tutto il benessere e l'atmosfera esagerata del vintage, con una macchina moderna che distrugge le gomme e trascina il ginocchio che continuerà quasi a funzionare fino a quando non la spegni con la chiave. L'uscita della V-Twin 992cc a due valvole desmo è superba, con una potenza di 85 cavalli al volante. C'è anche la solita curva della coppia, a 65 piedi per libbra, con una tonnellata di torsione bassa che rende la DS 1000 un motore stradale così eccezionale. (Per inciso, la fabbrica afferma che la 750 Imola di Smart ha fatto 80 cavalli, quindi hai i prossimi 200 italiani tanto quanto vinto …) L'efficienza del carburante è abbastanza encomiabile anche in questi giorni, con il motore a doppio tappo che si accende circa 38 mpg, le partenze a freddo non sono un problema (nella misura in cui 60 gradi nel nostro soleggiato inverno SoCal è "freddo") e il controllo del minimo è lo stesso sistema automatizzato (nessuna leva del minimo veloce, nessuna strozzatura nelle regolazioni manuali) del primo montaggio della Multistrada . Inoltre, quando si avvia il motore, è sufficiente toccare il pulsante di avviamento per attivare la sequenza di accensione: l'ECU completa l'avviamento fino all'avvio del motore. All'inizio ci siamo astenuti da questo tipo di automazione, ma il motore è così costante che non hai davvero motivo di voler regolare nulla. Vai a sistemare i galleggianti sull'Ortos del '74 se ti annoi con tutta la corsa perfetta della Smart Replica.

Image

Foto n. 2
Lame Brian Smart 1000 SportClassic Ducati Paul

La posizione di guida è piuttosto aggressiva, con clip-on bassi (.8 pollici più bassi rispetto allo Sport 1000) e pedane abbastanza alte da tenere lontano dai danni in curva. Il che è positivo, perché mentre lo sterzo è abbastanza impegnativo e anche un po 'lento in un modo classico, la stabilità in curva in curva è eccellente. La sospensione Öhlins completamente regolabile anteriore e posteriore fa un ottimo lavoro. La forcella rovesciata da 43 mm e l'ammortizzatore singolo, non montato sul lato sinistro, offrono una guida tesa e sportiva, dandoti tutte le opportunità al mondo di praticare il tuo stile fuori dal ginocchio che il signor Smart ha aperto la strada negli anni '70 .

Se stiamo cercando qualcosa di cui lamentarci - e lo siamo sempre - dobbiamo dire che la Ducati è andata a buon fine sui freni anteriori con Brembo a pinza flottante a due pistoncini. Ma la società afferma che questi sono stati utilizzati perché sono più piccoli sul lato della ruota (senza pistoni lì), dando lo spazio necessario per i raggi. Va bene, quindi anche se non sono le pinze a quattro pentole, questi sono dei freni piuttosto belli. E probabilmente costano anche meno. I dischi stessi, nel frattempo, sono grandi teglie per pizza da 320 mm, che, a quanto pare, spostano le pinze più lontano dai raggi (che inclinano anche verso il centro della ruota sul bordo).

Onestamente, non si notano negativi da questi calibri, sulla strada o quando parcheggiati. Ciò che noti sono molti tocchi accurati che fanno sentire la bici molto simile a una moto “pura”. Il montaggio della batteria, ad esempio, è un piccolo vassoio pulito tra i tubi che supporta il sedile / la coda.

Raffreddamento ad aria significa nessuna pompa dell'acqua, nessun grande radiatore (solo il radiatore dell'olio), nessun peso extra o complicazioni, solo la forma ariosa del V-Twin a 90 gradi, l'elegante telaio a traliccio e quel robusto forcellone in tubo d'acciaio. Il cablaggio è molto ben nascosto, aggiungendo ulteriormente alla natura ordinata. Le finiture superficiali delle parti chiave sono state molto "calibrate" per dare la giusta brillantezza (corpo smorzatore dello sterzo lucido, coperchi laterali cromati del motore) o lucentezza (cerchi in lega Excel, staffe poggiapiedi). Nel complesso, un pacchetto visivo di grande successo che parla retrò e si comporta in modo moderno, proprio come tanti veicoli in questi giorni, da Minis, Dodge Chargers e Ford Mustangs a Triumph Scramblers, Star Roadliners e quasi tutte le Harley prodotte.

Ma la parte più bella con la Smart è più di aspetto e suoni, la parte migliore è in sella. In termini di esperienza, mentre la Ducati stava cercando di evocare gli anni '70, quello che è finito è una bici che sembra molto più simile al vero successore della dolce metà degli anni '90 900SS, combinando il classico Twin raffreddato ad aria Ducati con il moderno capacità di sportbike in un modo che l'attuale Supersport 1000 non lo fa.

Il prezzo richiesto di $ 14.995 non sembra irragionevole per una delle 500 (del 2000 in tutto il mondo) Paul Smart Replicas in arrivo negli Stati Uniti.

In un mondo che sta diventando retrò, Paul Smart 1000 si distingue.

SPECIFICHE
PREZZO $ 14.995
PESO A SECCO 423 libbre
PASSO 56, 5 pollici
ALTEZZA DEL SEDILE 32, 0 pollici
MILEAGE DEL CARBURANTE 38 mpg
0-60 MPH 3, 1 sec.
1/4-MILE 11, 56 sec. @ 115, 05 mph
POTENZA 84, 7 CV a 7750 giri / min
COPPIA 65.2 ft.-lb. @ 4900 rpm
VELOCITÀ MASSIMA 135 mph

Image

Foto n. 5
Illustrazione Ducati California Hot Rod 1000 di Jim Hatch

California Hot Rod 1000

Caro Ducati, che ne dici di un omaggio alla più famosa rivista di motociclette di sempre?
Di Mark Hoyer

Era noto come "Old Blue", o più tardi "California Hot Rod", una macchina costruita e gestita dai sostenitori della rivista Cycle Cook Neilson e Phil Schilling, e deve essere una delle Ducatis più belle e importanti dell'era moderna . Mentre non c'è dubbio che la vittoria dell'inglese Paul Smart all'Imola 200 abbia fatto molto per il Bologna, nessuna singola bici o coppia di persone ha fatto di più per rendere la Ducati un nome familiare negli Stati Uniti

Neilson e Schilling hanno dato alla Ducati la sua prima grande vittoria nella classe AMA Superbike in erba a Daytona nel 1977, per non parlare della stesura di tutto ciò che riguarda Cycle , sostenendo la prima streetbike 75OGT e conseguenti modelli, articoli che hanno dato alla Ducati un bagliore nel mercato statunitense ancora profitti da oggi.

Quindi, ci scusiamo con Mr. Smart, abbiamo sentito che una California Hot Rod 1000 SportClassic ha più senso. Neilson e Schilling erano lusingati quando abbiamo inviato loro questa illustrazione fotografica per Cycle World per la revisione. "Il tuo ragazzo di Photoshop ha fatto un ottimo lavoro sulla vernice", ha detto Neilson, "ma per una vera verosimiglianza, ci deve essere una mosca domestica italiana modellata sulla superficie del serbatoio del carburante da qualche parte."

Si riferiva ovviamente alla prima bici da test Super Sport 750 da serbatoio in vetroresina inviata a Cycle che, in effetti, aveva una mosca bloccata nella striscia traslucida "indicatore livello carburante" sul lato del serbatoio.

"Concordo con Cook e vorrei aggiungere che qualsiasi Ducati" tributo "dovrebbe avere le strisce della linea centrale sul parafango anteriore, sul serbatoio, sul sedile e sul parafango posteriore", ha affermato Schilling. “Visto dall'alto, ogni striscia dovrebbe deviare verso sinistra o verso destra. Le strisce non devono mai schierarsi individualmente o come set. Proprio come l'originale 75OSS. "

Ok, Bologna, ecco il tuo design per il CHR1000. Basta fare le strisce storte e non dimenticare la mosca.